• 3 ricerche (di vita) al cinema _ Nomadica al Beltrade di Milanode di Milano

    On: 20 Novembre 2013
    In: 2013/2014
    Views: 894
     Like

     

    Nomadica_Beltrade5dic13_perWEB

    Read More
  • Omaggio al cinema di Augusto Tretti (1924-2013)

    On: 20 Novembre 2013
    In: 2013/2014
    Views: 925
     Like

    IL POTERE AUTARCHICO DEL CINEMA
    Omaggio al cinema di Augusto Tretti (1924-2013)
    in collaborazione con Cineteca Nazionale, Rapporto Confidenziale

    Anteprima della retrospettiva in collaborazione con Kinodromo:
    martedì 5 Novembre 2013 ore 21.00
    Cinema Europa / Kinodromo – Bologna
    IL POTERE” di Augusto Tretti (in collaborazione con la Cineteca Nazionale)
    a seguire “Augusto Tretti. Un ritratto” di Maurizio Zaccaro (alla presenza dell’autore)

    vai alla pagina

    Read More
  • Michelangelo Buffa

    On: 4 Marzo 2013
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    Nato a Brusson (Aosta) il 27/11/1948. Cinephile, critico cinematografico, insegnante, documentarista, filmmaker (ma sarebbe meglio dire “filmeur”), attivo dagli anni sessanta (ha iniziato con una Bolex Paillard 8mm a fuoco fisso) ha preservato una dimensione amatoriale operando in piena libertà ed in maniera autodidatta, realizzando da allora film in 8mm, Super8 e 16mm. Dal 1992 ha iniziato ad operare in video, prima in analogico poi in digitale. Attualmente opera su due versanti apparentemente opposti (non ha mai rispettato l’opposizione “fiction”/documentario inseguendo solo il concetto di “scrittura”): il documentario antropologico, che costituisce la sua attività ufficiale presso il “Bureau Regional pour l’Ethnologie et la Linguistique” ad Aosta , ed il video di ricerca, legato ad esperienze più intime e personali. Il suo percorso è costituito essenzialmente da tre fasi, in ordine cronologico: il film di autoanalisi esistenziale, la “scoperta” degli “altri” e del mondo, con tutta l’attrazione ed il fascino che ne deriva ed infine la dimensione documentaristica immersa in una valenza fortemente antropologica ed “oggettiva”.


    Frammenti di un (unico) mondo

    “L’idea era quella di fare un viaggio nella bellezza ed armonia della natura cercando di dare una sensazione di unicità. La natura è molto varia eppure nel suo insieme costituisce un unico mondo che poi ingloba anche cose contrastanti e terribili. L’irruzione dell’autostrada nel mondo naturale è violenza pura, eppure anche tutti questi segni provocati dalla presenza umana sono in fine inglobati in un unico mondo ed è per questo che dobbiamo sempre cercare di produrre bellezza ed armonia…”. (MB)

    Read More
  • Nomadica: metodi autonomi di fare e dare cinema

    On: 26 Gennaio 2013
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    logo_CSC

     

     

     

     

    Vari modi di vedere, fare, costruire e perdersi nel cinema, fuori dagli schemi e (spesso) dagli schermi. Interventi di Luca Ferri, del collettivo frameOFF e di Leonardo Carrano.

    26 gennaio 2013

    ore 17.00

    Presentazione di Luca Ferri

     a seguire

    Ecce Ubu (2012)

    Regia: Luca Ferri, in collaborazione con Alberto Valtellina; musica: Dario Agazzi; origine: Italia; produzione: Lab80; durata: 60′

    Il film è un calcolo matematico che per compiersi necessita di un’apparizione patafisica. Sessanta scene girate in super8, di diversa estrazione, sono state recuperate dall’archivio “Cinescatti” di Lab80. Sono filmati elementari di viaggi, di vita familiare o di manifestazioni, ma anche filmati “non filmati”, registrati per dimenticanza di spengimento dell’apparecchio filmico. L’opera non s’interessa a nessuna ricostruzione storica o rievocazione di un mezzo ormai deceduto, ma si limita a creare un meccanismo rigoroso. Le sessanta scene passeranno in modo sistematico e graduale, dalla più veloce alla più lenta. Dapprima ogni scena occuperà un secondo, poi due, tre, e via dicendo, per arrivare all’ultima sequenza, che dovrebbe essere la più fedele e cronologicamente esatta, ma che sarà essa stessa finzione, come le precedenti, in quanto cinema.

    a seguire

    Kaputt/katastrophe (2012)

    Regia: Luca Ferri; musica: Dario Agazzi; montaggio: Simone Marchi; origine: Italia; durata: 16′

    In una Zurigo soleggiata ed estiva, i giovani di tutta Europa si sono dati appuntamento per la “Street Parade”. L’obiettivo è quello di essere diversi, originali, modernamente proiettati alla sovversione dello stato attuale delle cose. La nuova regola per le prossime otto ore e la trasgressione delle regole. Tutti sono improvvisamente diventati attori senza spettatore alcuno nell’intento sbilenco di rappresentare disgraziatamente se stessi. Una partitura musicale, rigorosamente scritta, viene stancamente e ossessivamente suonata mentre una voce meccanica “off” ci ripete di una umana condizione catastroficamente immutata e immutabile. Nel deforme e grottesco fluire delle vicende umane appare improvvisamente un vetusto alpeggiatore barbuto a guardarci e guardare per qualche secondo. Forse è una tregua, immaginiamo un luogo per sperare, ma poi tutto ricomincia come se nulla fosse accaduto dal medesimo punto dove tutto non è mai iniziato. Non c’è luogo, non c’è vita, non c’è modo di sperar, non c’è.

    ore 19.00

    Presentazione del collettivo frameOFF

    a seguire

    Caminante di frameOFF (2012)

    Regia, montaggio, produzione:frameOFF; musica: Giovanni Fiderio; origine: Italia; durata: 70′

    frameOFF è un gruppo aperto per la ricerca nel cinema e nella fotografia, un crocevia di esperimenti soggettivi e collettivi che si incrociano e si intrecciano. frameOFF è un laboratorio di interventi sullo sguardo come sui metodi di produzione, sul sociale come sulle strutture narrative.

    I Caminanti vivono a Noto, Siracusa, da oltre 60 anni, e formano una comunità di qualche migliaio di persone. Seminomadi, girano per la Sicilia e l’Italia vendendo palloncini o come arrotini, ombrellai e stagnini, continuando la tradizione dei vecchi carrettieri. Altri vivono isolati all’interno del quartiere, tra i propri simboli e la propria cultura, che a tratti si lega ancora a quella di una Sicilia preurbana. Per la prima volta molti di loro sono riusciti a creare uno scambio partecipando a questo film, condividendo le proprie esperienze, i mestieri, le storie spesso tragiche, le opinioni e i momenti più importanti della vita del gruppo lungo un arco di due anni. Nasce così un ritratto della comunità complesso e variegato, anomalo ma compatto, realizzato attraverso uno sguardo che non tende al commento, che lascia l’occhio libero all’osservazione di quella che possiamo definire una cultura esistente a sé, ma che si trasforma nonostante tutto e tutti.

    a seguire

    El tiempo del no tiempo (2012)

    Regia, montaggio: Giulia Mazzone, Giuseppe Spina; origine: Messico/Italia; produzione: frameOFF, Nomadica; durata: 44′

    Cento anni dalla rivoluzione messicana e duecento dall’indipendenza. Migliaia le vittime del narcotraffico in un paese tra i più pericolosi al mondo. Le popolazioni indigene lottano per la dignità, i marxisti contro gli imperialismi, le farmacie vendono sigarette, il 50% della popolazione muore di fame, lo zapatismo si chiude, la sinistra si frammenta, la destra compromessa governa. Vitalità e atrocità segnano una situazione sociale convulsa ma in fermento.

    Attraversare il Messico diviene così una riflessione politica, storica e antropologica. Le parole e le immagini di questo film si intrecciano in concetti e sensazioni senza sosta, creando una sorta di flusso continuo, un domino sulla condizione dell’uomo contemporaneo.

    ore 21.00

    Presentazione di Leonardo Carrano

    a seguire

    AETERNA di Leonardo Carrano (2006-2012)

    Un progetto di animazione sperimentale di Leonardo Carrano; musica: Requiem KV 626 W. A. Mozart: eseguita dal Coro dell’Università di Pisa; origine: Italia; durata: 58′

    L’ambizione del progetto Requiem è quella di trasporre in video l’immaginazione scaturita dall’omonimo componimento mozartiano: per ciascuno dei quattordici movimenti della celebre Messa è stata realizzata una video-animazione sperimentale, con l’obiettivo di comporre un insieme organico ma variegato quanto a tecniche d’animazione e linguaggi espressivi. A tale proposito, ciascuno dei film è stato realizzato con la collaborazione di un co-regista (Mikulas Rachilc, Alessandro Pierattini, Ada Impallara, Renato Flenghi, Luca Zoppi, Silvio Giorcelli, Luca Romani, Alberto Antonio Dandolo, Alain Parroni), che ha arricchito la ricerca con la propria sensibilità e il proprio apporto artistico, culturale e tecnico.

    Read More