IL POTERE AUTARCHICO DEL CINEMA