• “Impressio in-urbe” @Short Waves Festival 2018

    On: 20 marzo 2018
    In: Senza categoria
    Views: 176
     Like

     

    Giovedì 22 Marzo, h19.00
    Short Waves Festival 2018 – all’interno della sezione Urban View, Poznan, Polonia

    Impressio in-urbe
    un film di Giuseppe Spina
    Italia, 2017, 16’55”, super8/digitale

    regia, montaggio, suono: Giuseppe Spina
    fotografia e riprese Super8: Mirco Santi

    Produzione:
    Accademia di Belle Arti di Bologna
    Nomadica – Centro per il cinema di ricerca
    Home Movies – Archivio Nazionale del film di famiglia

    Read More
  • Filmforum – Gorizia – 2 Marzo 2018

    On: 2 marzo 2018
    In: Senza categoria
    Views: 293
     Like
    Filmforum – Gorizia – 2 Marzo 2018
    h21.00, Kinemax, Gorizia_
    Paolo Simoni e Mirco Santi di Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia presenteranno un frammento dal “Fondo Audiovisivo Nato Frascà”, appena digitalizzato,
    creato grazie all’impegno degli eredi, di Home Movies e voluto fortemente da Circuito Nomadica.
    Read More
  • Nomadica | Analogica Selection#7

    On: 25 febbraio 2018
    In: Senza categoria
    Views: 333
     Like

    Everything Turns…
    Aaron Zeghers // 12′:12” / 2017 / Canada / Super8 / exp

    ¡PíFIES!
    Ignacio Tamarit // 4′ / 2016 / Argentina / animation – Found footage

    The tide goes in, the tide goes out
    Larissa Fan // 5′ 30” / 2012 / canada / super8 / exp

    The Islands
    Hsuan-Kuang Hsieh // 9’50” / 2016 / TAIWAN/ USA / 16mm / exp

    Screen Test 1 (self-portrait)
    Scott Fitzpatrick // 2’30” / 2015 / Canada / exp

    the Garden of Delight
    Michael Fleming // 11′ 36” / 2017 / the Netherlands / super8, found footage, 35mm / exp

    Highview
    Simon Liu // 19′ 30” / 2017 / Hong Kong – UK / 16mm / exp


    Nomadica ospita il programma di Analogica, a Bologna, per amplificarne il movimento: dare la possibilità ai film di proiettarsi anche a queste latitudini e a noi spettatori di incrociarne gli sguardi. 7 film provenienti da varie parti del mondo, tentativi di un cinema contemporaneo fortemente ancorato all’utilizzo della pellicola. L’esperimento è sempre un tentativo – estremo, innovativo, reiterato, riformulato, rigenerato -, è il linguaggio stesso che non si blocca in una formula, immagini in movimento di un mondo che si espande senza sosta e nonostante tutto. Condividiamo la spinta di Analogica, e ringraziamo per la preziosa opportunità.
    Nomadica will host Analogica’s exhibition, in Bologna, to amplify its mouvement: give films the chance to be projected at these latitudes and give us the opportunity to cross their glances. 7 films oming by various parts of the world, attempts of a contemporary cinema strongly attached to the use of film. The experiment is always an attempt – extreme, innovative, repeated, reformulated, regenereted-, it’s the language itself that cannot be chained, images-mouvement of a world that expands without ceasing and despite everything. We share Analogica’s thrust, and thank them for the precious opportunity.

    Analogica nasce per stimolare e sostenere la divulgazione e la conoscenza dell’utilizzo di tecnologie analogiche nella pratica artistica e creativa, supporta il cinema di ricerca e sperimentale e sostiene filmmakers e artisti che lavorano con la pellicola. ANALOGICA SELECTION è il programma annuale di film promosso da ANALOGICA attraverso l’omonimo festival e un tour di proiezioni nazionali e internazionali.
    Analogica is a platform for the investigation and dissemination of analog practices in visual and sonic experiments. Throughout the year, a selection of the best works screened at the Analogica festival travels in various places around the world  to provide encounters where artists working across disciplines (photo, film, sound, installation) can meet and exchange ideas about analogue practices.

    fb: https://www.facebook.com/events/1141492876014495/

     

    “the Garden of Delight” by Michael Fleming

     

     

    Read More
  • Impressio in-urbe

    On: 9 ottobre 2017
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

     

     

    Impressio in-urbe (#1 Bologna)
    un film di Giuseppe Spina
    Italia, 2017, 16’55”, super8/digitale

    regia, montaggio, suono: Giuseppe Spina
    fotografia e riprese Super8: Mirco Santi
    operatori, fotografie, audio: Livia Aiello, Mina Azmoodeh, Jessica Colleluori, Noemi Diamantini, Elisa Florian, Alice Gangemi, Isabella Marconi, Giorgia Minoli, Marianna Riccardini, Ambra Iride Sechi, Nicolas Sperati
    con Piera Bortolotti, Giulia Mazzone e l’intervento del maestro Maurizio Bottarelli
    musica: Sergio Spampinato, Giuseppe Spina
    Produzione:
    Accademia di Belle Arti di Bologna
    Nomadica – Centro per il cinema di ricerca
    Home Movies – Archivio Nazionale del film di famiglia
    Distribuzione: Nomadica – Centro per il cinema di ricerca
    Grafica: ilcanediPavlov

     

    FESTIVAL
    Archivio Aperto 2017 – Home Movies, Bologna – Italia, 1 Novembre 2017
    INVIDEO – Mostra internazionale di video e cinema oltre, Milano – Italia, 17 novembre 2017
    Meta-Cinema 2017, Accademia di Belle Arti di Bologna – Italia, 29 novembre 2017
    Festival CinemaZERO, Trento – Italia, 2 dicembre 2017
    Lecce Film Fest – Festival del cinema invisibile, Lecce – Italia, 9 dicembre 2017
    Fincortex – Festival Internacional de Cortometrajes Experimentales, Tunja – Colombia, 27 diciembre 2017
    Festival Regards sur le cinéma du monde, Paris/Rouen – France, 26janvier/2février 2018
    Short Waves Festival, Poznań – Poland, 20-25th March 2018
    Festival Oodaaq – Images Nomades & Poétique (Rennes + Saint Malo) – France, mai/juin 2018
    Festival de Cine Experimental de Bogotá | CineAutopsia – Colombia, mayo 2018


    Sinossi/Synopsis

    “Impressio in-urbe” percorre le testure dello spazio urbano: la materialità delle architetture, di angoli e prospettive, i disegni delle pavimentazioni, le piazze, i mattoni; è una scomposizione in dettagli del “manto” della città da cui emerge la materia lacerata, apparentemente immobile ma in continua connessione, nei secoli, con la moltitudine che la abita. “Impressio” è l’impronta, la traccia che ogni cosa e ogni gesto lasciano di sé, identikit (e vivisezione) dello spazio e del tempo della città, che restituisce a noi il suo sguardo.

    “Impressio in-urbe” goes through the textures of the urban space: the materiality of architectures, corners and prospectives, the drawings of pavings, the squares, the bricks; it’s a detailed decomposition of the city’s “cloak” from which the broken matter emerges, seemingly immovable but in a continuous connection, in the centuries, inhabited by its moltitude.”Impressio” is the print, the mark which all things and every gesture leave of itself, the “identikit” (and vivisection) of the city’s space and time, which gives back to us its view.

    “Questo film vuole essere un pugno nello stomaco al paesaggio, ad ogni tentativo di architettura come insieme omogeneo, un inno alla piega, alla macchia invisibile che ci circonda, all’elemento sfaldato, sdentato. L’impronta della città mostra l’essenza barocca (e informale) della città messa a fuoco, le sue trame nascoste, i giochi sulle campiture, i colori delle terre. Si spezza dunque “l’architettura dell’insieme”, si molecolarizza l’arte, e si restituisce così il grande lavoro di ogni singolo uomo, anonimo artigiano urbano, nel tempo” (gs)

     

    Read More
  • Homo sapiens, a film by Fiorella Mariani

    On: 11 febbraio 2017
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    – Here you can view the rare movie by Fiorella Mariani, in agreement with the author –

     

    HOMO SAPIENS
    a film by Fiorella Mariani

    54′, 1971/1974
    editing Luciano Gigante
    archive researcher Franca Caprino
    sound and music Beatriz Ferreyra
    film repertorie Istituto Luce (Rome) – Paté Cinema (Paris)
    idea and realization Fiorella Mariani
    open distribution _ nomadica.eu
    in collaboration with Found Footage Magazine – Revista Lumière – Rapporto Confidenziale – Home Movies
    movie copy provided by Cineteca Nazionale (Rome)

    A representation of human behavior focused exclusively on our western world, made up of footage selected without any concern for place, time and ideology, that provides logical continuity to daily events with the intent of underlining the general contradictions of reality.

    «This movie is dedicated to my uncle Roberto Rossellini, not only for sentimental reasons but also for to be faithful to his teaching: in his works, for love and respect of human freedom, he has always wanted to show and not demonstrate.» (Fiorella Mariani)

    “Men, who form the herd called ‘society’ will always do the same things until distracted by greater concerns” – J. J. Rousseau

     

    Some reviews

    «… la cineasta, escenógrafa y escritora italiana Fiorella Mariani impone el punto de vista de Homo sapiens, preludio que dirige nuestra mirada a través de un ensamblaje de metraje encontrado que retrata la fatuidad humana en el devenir del siglo XX. El montaje de documentos visuales procedentes de noticieros de la Pathé y del archivo cinematográfico del Instituto Luce, le sirve a Fiorella para asfaltar la Via Apia por la que transcurre el concepto circular de la historia. Esas imágenes preexistentes, dislocadas de sus eventos primigenios, confrontadas ahora en un nuevo discurso, actúan como citas que dan fe del eterno retorno a “la enigmática disposición de las masas técnicamente educadas a caer en el hechizo de cualquier despotismo” (Theodor W. Adorno y Max Horkheimer en La dialéctica de la ilustración)» Abstract from Homo Sapiens by César Ustarroz, Found Footage Magazine / r e a d   pdf

    Un articolo di Arianna Pagliara per la rivista online Point Blank: http://www.pointblank.it/recensione/homo-sapiens/

    «Un’opera unica nel panorama del cinema italiano. Homo sapiens, realizzato agli inizi degli anni ’70 da Fiorella Mariani nello scetticismo generale: un’opera di (s)montaggio sul comportamento umano (e le sue contraddizioni) con materiali di repertorio assemblati «senza distinzione di epoche, luoghi e strutture sociali od ideologiche», dietro la quali si erge la mano dell’artista che fa e disfa giocando sul senso e il non-sense delle immagini, scandite dalla musica elettroacustica di Beatriz Ferreyra. Prima di Blob, un film studiato da molti registi televisivi per il sapiente uso del repertorio; rosselliniano nello spirito, ma anche nella preoccupazione per le sorti del genere umano che lo anima e lo rende materia viva (e di estrema attualità)…
    Un film unico anche nella carriera professionale di Fiorella Mariani, scenografa dal 1957 per spettacoli di lirica, prosa e balletto nei maggiori teatri del mondo, per le regie (fra gli altri) di Zeffirelli, Menotti, Enriquez, Sequi, Rouleau, Mondy, Charon, Gerome, responsabile degli allestimenti scenici per il Festival dei due Mondi di Spoleto dal 1958 al 1968, documentarista e autrice di monografie su Toscanini, Respighi, Petrassi, la Callas e Rossellini.» – Luca Pallanch, Cineteca Nazionale

    «Rigoroso, elegante, coerente Homo Sapiens è uno di quei film di montaggio che sono una vera goduria per lo spettatore distratto, per l’amatore del genere, per lo studioso di cinema. Il film sviluppa una sua struttura narrativa nell’arco di una giornata : dall’alba alla notte. [ … ] un affresco di comportamenti di rara incisività… un modo nuovo di costruire la storia per immagini…» – E.C., Corriere della sera 1978

    “The world would fall into absurdity if we fail to place the study of its contradictions and their solutions at the center of our attention” – K. Marx

     

    Gioia Fiorella Mariani

    Nata a Roma nel 1933. Frequenta la facoltà di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti a Roma.
    Nel 1956 conosce la pittrice e scenografa Lila de Nobili e lavora come assistente alla Scala di Milano, a Stratford on Avon, al Covent Garden di Londra e all’Operà di Parigi.
    Dal 1957 è al Festival dei due Mondi di Spoleto, dove dirige gli allestimenti scenici e realizza alcuni spettacoli.
    Lavora per i registi Franco Zeffirelli, Luchino Visconti, Raymond Rouleau, Sandro Sequi, GianCarlo Menotti, Raymond Gerome e in giro nei teatri d’Opera di Egitto, Francia, Inghilterra, Belgio, Olanda, Stati Uniti, Giappone, Canada, Australia.
    Realizza scene in numerosi teatri di prosa a Parigi.
    Con la sua società realizza documentari per la Rai e per la Croce Rossa in Africa.
    Realizza monografie su Ingrid Bergman, Roberto Rossellini, Maria Callas, Arturo Toscanini, Goffredo Petrassi, una serie di 9 filmati sulle varie tecniche del Restauro, in particolare quello relativo alla Fontana di Trevi.
    Scrive un libro di memorie e testimoniamze sui primi 10 anni del Festival di Spoleto e due libri per ragazzi: “Fraliberanza” e “Darwin e i grilli”.

     

    Beatriz Ferreyra

    Ferreyra was born in Cordoba, Argentina, and studied piano with Celia Bronstein in Buenos Aires. She continued her study of music with Nadia Boulanger in Paris, and Edgardo Canton, Earle Brown and Gyorgy Ligeti in Germany.
    In 1963 she took a position in the research department of the Office de Radiodiffusion Television Francaise (ORTF), working with the Groupe de Recherches Musicales (GRM) directed by Pierre Schaeffer. She assisted with Henri Chiarucci’s and Guy Reibel’s Rapport entre la hauteur et la fondamentale d’un son musical, published in 1966 in Revue Internationale d’Audiologie and Pierre Schaeffer’s Solfage de l’Objet Sonore. During this time she also lectured at the Conservatoire National Supérieur de Musique de Paris.[1] She worked with Bernard Baschet and his Structures Sonores in 1970, and served residencies in electronic music with Dartmouth College in 1976 and in 1998. http://www.beatrizferreyra.odavia.com/

    “The most indipendent men are those who are led by reason”

    B. Spinoza

    Read More