• Luca Ferri

    On: 11 marzo 2013
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    Agazzi. D. – BIOGRAFIA RAGIONATA DI LUCA FERRI 2014-15 – rev.18 – pdf


    cane caro / dog, dear

    ita, 2015, 18′
    director / regia: Luca Ferri
    editing / montaggio: Samantha Angeloni
    production / produzione: Nomadica & Luca Ferri

    An old man takes his beloved dog to a severe hospital run by a Russian doctor who looks like Adorno. His quadruped’s blood has to be cleaned by some automated machines. During his long and draining wait, he observes the medical procedures and all the assistants’ actions reflecting on the pleasure he feels in relying on the automatisms of the mechanical procedures.

    Un anziano signore porta il suo amato cane in una severa clinica da un dottore russo somigliante ad Adorno. Il sangue del suo quadrupede deve essere pulito attraverso alcune macchine automatiche. Nella lunga ed estenuante attesa osserva i procedimenti medici e tutti i movimenti degli infermieri mentre riflette sul piacere che prova nell’affidarsi agli automatismi dei procedimenti meccanici.

    KAPUTT – KATASTROPHE

    Italia, 2012, 00:15:50
    sviluppo e montaggio 
    Simone Marchi
    musiche: Dario Agazzi
    regia: Luca Ferri
    produzione: Nomadica & Luca Ferri

    In una Zurigo soleggiata ed estiva i giovani di tutta Europa si sono dati appuntamento per la “Street Parade”. L’obiettivo è quello di essere diversi, originali, modernamente proiettati alla sovversione dello stato attuale delle cose. La nuova regola per le prossime otto ore è la trasgressione delle regole. Tutti sono improvvisamente diventati attori senza spettatore alcuno nell’intento sbilenco di rappresentare disgraziatamente se stessi. Una partitura musicale scritta rigorosamente viene stancamente e ossessivamente suonata, mentre una voce meccanica “off” ci ripete di un’umana condizione catastroficamente immutata e immutabile. Nel deforme e grottesco fluire delle vicende umane appare improvvisamente un vetusto alpeggiatore barbuto a guardarci e guardare per qualche secondo. Forse è una tregua, immaginiamo un luogo per sperare, ma poi tutto ricomincia come se nulla fosse accaduto dal medesimo punto dove tutto è iniziato. Non c’è luogo, non c’è vita, non c’è modo di sperar, non c’è.

    ECCE UBU

    Italia, 2012, 01:00:00, super 8
    in collaborazione con Alberto Valtellina
    musiche: Dario Agazzi
    regia: Luca Ferri

    Il film è un calcolo matematico che per compiersi necessita di un’apparizione patafisica.
    Sessanta scene girate in super 8, di diversa estrazione, sono state recuperate dall’archivio “Cinescatti” di Lab80film. Sono filmati elementari di viaggi, di vita familiare o di manifestazioni, ma anche filmati “non filmati”, registrati per dimenticanza di spengimento dell’apparecchio filmico.
    L’opera non s’interessa a nessuna ricostruzione storica o rievocazione di un mezzo ormai deceduto, ma si limita a creare un meccanismo rigoroso. Le sessanta scene passeranno in modo sistematico e graduale, dalla più veloce alla più lenta. Dapprima ogni scena occuperà un secondo, poi due, tre, e via dicendo, per arrivare all’ultima sequenza, che dovrebbe essere la più fedele e cronologicamente esatta, ma che sarà essa stessa finzione, come le precedenti, in quanto cinema.

    Le sequenze si possono dividere in 10 parti dalle durate sotto espresse:
    sequenza 1: 1 secondo per ogni immagine per un totale di 60 secondi;
    sequenza 2: 2 secondi per ogni immagine per un totale di 120 secondi;
    sequenza 3: 3 secondi per ogni immagine per un totale di 180 secondi;
    sequenza 4: 4 secondi per ogni immagine per un totale di 240 secondi;
    sequenza 5: 5 secondi per ogni immagine per un totale di 300 secondi;
    sequenza 6: 6 secondi per ogni immagine per un totale di 360 secondi;
    sequenza 7: 7 secondi per ogni immagine per un totale di 420 secondi;
    sequenza 8: 8 secondi per ogni immagine per un totale di 480 secondi;
    sequenza 9: 9 secondi per ogni immagine per un totale di 540 secondi;
    sequenza 10: 10 secondi per ogni immagine per un totale di 600 secondi.

    Il raggiungimento dei 3600 secondi (60 minuti) è dato dalla farsesca apparizione di ECCE UBU (300 secondi).

    MAGOG (o epifania del Barbagianni)
    Italia, 2011, 01:06:06, HD
    produzione: Lab80 Film Soc. Coop. a.r.l.
    soggetto: Luca Ferri
    fotografia
    : Luca Ferri, Samantha Angeloni
    montaggio: Alberto Valtellina
    musiche: Dario Agazzi
    regia: Luca Ferri, Samantha Angeloni

    L’opera è di natura bipartitica. Sono state effettuate delle operazioni di asportazione paesaggistica, architettonica e audio. Nello stesso criterio della loro apparizione nel reale sono stati riassemblati e sminuzzati in modo arbitrario pezzi di paesaggio e lazzaretti sonori. La pianura padana come luogo dell’assurdo. Un groviglio incestuoso di stratificazioni architettoniche e fallimenti edilizi. Palme, vuoti urbani, pieni urbani e palme al neon. Piscine montate in 5 giorni. Villaggi neogotici ricostruiti. Villette su villette. Cumuli di ulivi e abusi decorativi. Rivestimenti infiniti su altri materiali di cui ci si vergogna. Pietre applicate e case varicella. L’audio è stato rubato con dei microfoni nascosti nei medesimi luoghi della ricerca visiva, aste giudiziare, sedute comunali, mostre d’arte, bar, cortili privati, piazze pubbliche etc. Audio in taluni casi diegetico in altri no dove l’assurdo preesistente era così fortemente marcato e inserito nel paesaggio, sovrapposto o dissolto laddove non pertinente. Il titolo vuole essere un omaggio ed una invocazione alla resurrezione del maestro Giovanni Papini, a sua volta citante, nella sua opera GOG, ad altra citazione non crittografata. Il pasticciaccio del post‐ moderno in architettura e l’arroganza umanoide del vedere nel paesaggio una possibilità di lucro fanno di MAGOG una nuova forma di resistenza, non associativa, non documentaristica e lontana dalle secolarizzazioni ambientaliste preesistite. È un atto unico e irreversibile come una costruzione giallo limone, un gorgoglio balbettante di denuncia mezza affossata in bocca. La gravità del consumo del suolo, dell’inquinamento visivo e sonoro, dello sciocchezzaio umano e dei suoi logicati sempre eterni non viene rielaborato come indagine antropologica, nemmeno si enuncia la mancata documentalità o l’operazioncina di raffinatismo edonista autoriale. Siamo di fronte ad uno specchio che rimanda sempre qualcosa di previsto. Il manifesto esterno di questo consumo è il medesimo capitombolo interno delle sue marionette di carne. Nell’intera operazione filmica non appare, se non per caso sporadico, alcun umano. Di tali esseri troviamo solo i loro manufatti, i loro avidi guazzabugli, le loro opere. Si parla sempre di umani in MAGOG anche se apparentemente latitano. Per loro parlano le opere che la nostra pianura ha tristemente e silenziosamente assorbito. Il film vuole essere una continua e sempre verde citazione al cubo in cui s’innesta la profetica iscrizione di Brughel il vecchio nel dipinto del Misantropo. La fotografia invece, formalmente di natura metafisica, grottescamente glorifica con luce crepuscolare o mattiniera il triste racconto di questo paesaggio lombardo, inserendo a scempi di semplici geometrucoli di borgata le manie di arrembanti architetti, vere e proprie rock star mancate dal palcoscenico generalmente calcato da UBU.

    www.ferriferri.com // www.lab80.it


     

    Read More
  • NOMADICA

    On: 22 febbraio 2013
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    Nomadica è un circuito per la ricerca, la produzione e la diffusione di opere cinematografiche. Sostiene la circolazione e la realizzazione di opere autonome.
    “Autonomo” è il percorso che lascia all’atto di creazione la possibilità di manifestarsi liberamente, senza alcun tipo di speculazione e compromesso. Il pensiero ”nomadico” non riguarda solo la questione spaziale e geografica, ma è soprattutto mentale e concettuale: la ricerca viene intesa in modo totalmente aperto e svincolato da generi, formati, durate, anno di produzione, ecc. Nessun tipo di vincolo o idea precostituita. Non ci sono rapporti economici e commerciali con gli autori che attraversano Nomadica, non ci sono esclusive, contratti, percentuali.

    banner2

    La “mostra” è il progetto di diffusione che permette alle opere e ai cineasti di incontrare la gente, gli spazi, le varie realtà che ospitano Nomadica. Parte fondamentale del progetto è la ricerca di partner e collaboratori che, vicini alle nostre posizioni, sono disposti a sostenere queste opere divenendo parte integrante del circuito e contribuendo all’organizzazione di proiezioni, come di installazioni, performance, mostre, workshop, etc. Partita nel marzo del 2010 e mai interrotta, la mostra di Nomadica è alla sua VII edizione (2017); in questi 7 anni ha organizzato più di 500 giornate tra proiezioni ed eventi in 4 paesi del mondo (Italia, Francia, Uruguay, Messico).

    banner_sito4 separatore_post

    Di seguito cineasti, artisti e teorici che negli anni e in modi differenti hanno attraversato Nomadica.
    Per altre informazioni: info@nomadica.eu

    [one_third] LUCA ACITO (IT)
    MARIO ADDIS (IT)
    CHAFIK ALLAL (DZA)
    MAURO ANDRIZZI (ARG)
    ANDREA APPETITO (IT)
    ARTUR ARISTAKISJAN (RUS)
    LORENZO BECHI (IT)
    LUCA BELLINO (IT)
    GIANNALBERTO BENDAZZI (IT)
    CARMELO BENE
    CAROLINE BEURET (FR)
    FATIMA BIANCHI (IT)
    JULIANE REINERT BIASI (IT)
    BLU (IT)
    GIUSEPPE BOCCASSINI (IT)
    STAN BRAKHAGE (USA)
    ALDO BRAIBANTI (IT)
    MARIO BRENTA (IT)
    FRANCO BROCANI (IT)
    PAOLO BRUNATTO (IT)
    MICHELANGELO BUFFA (IT)
    DAVID BUOB (D)
    CLAUDIO CAPANNA (IT)
    CRISTIAN CAPPUCCI (IT)
    LEONARDO CARRANO (IT)
    CHRISTIAN CARMOSINO (IT)
    ROBERTO CATANI (IT)
    CAUCASO FACTORY (IT)
    MANUELE CECCONELLO (IT)
    RINALDO CENSI (IT)
    TOMMASO CERASUOLO (IT)
    TUIA CHERICI _MANUCINEMA (IT)
    JACOPO CHESSA (IT)
    MARIA GIOVANNA CICCIARI (IT)
    PEDRO COSTA (P)
    JONNY COSTANTINO (IT)
    LAURA D’AGATE _DAG (IT)
    NICO D’ALESSANDRIA
    SERGIO DAMIANI (IT)
    CAROLINE DELAPORTE (FR)
    KARINE DE VILLERS (BE)
    LUIGI DI GIANNI (IT)
    HECTOR J. DI LAVELLO OCCHIUZZI (UY)
    FRANCESCO DONGIOVANNI (IT)
    LINDA DORIGO (IT)
    NATHANIEL DORSKY (USA)
    E.G.O. Ente Gestazioni Oniriche (IT)
    EFS EXPERIMENTAL FILM SOCIETY (IR/IRL)
    THÉO ERCOLANO (FR)

    [/one_third] [one_third] ERICAILCANE (IT)
    ANDREA FASCIANI (IT)
    GIUSEPPE FAVA (IT)
    DANIEL FAWCETT (UK)
    PAOLO FEDUZI (IT)
    AGUSTIN FERRAND (UY)
    LUCA FERRI (IT)
    NATO FRASCA’ (IT)
    ANDREA GADALETA CALDAROLA (IT)
    MARIO e FABIO GARRIBA (IT)
    ENRICO GHEZZI (IT)
    VINCENZO GIOANOLA (IT)
    GUILLAUME GIRARD (CAN)
    JÉRÔME WALTER GUEGUEN (FR)
    MAGDA GUIDI (IT)
    GABRIELA GUILLERMO (UY)
    SERGIO GUTIERREZ (IT)
    PIERRE HEBERT (CDN)
    DAPHNE HERETAKIS (GR)
    HOME MOVIES (IT)
    IGOR IMHOFF (IT)
    SALVATORE INSANA (IT)
    INSUTV (IT)
    AYMEN JABLI (TUR)
    GEE-JUNG JUN (FR)
    KAMA (IT)
    ROSARIA DESIRE KLAIN (IT)
    COLECTIVO KOMAN ILEL (MEX)
    SIMONE LECCA (IT)
    DAVID LE GRAND (FR)
    LUCREZIA LE MOLI (IT)
    MANOLO LUPPICHINI (IT)
    SILVIA LUZI (IT)
    MASSIMO MAIDA (IT)
    LUCIANO MAGGIORE (IT)
    MANFREDO MANFREDI (IT)
    DAVIDE MANULI (IT)
    CRISTINA MANTIS (IT)
    FRANCO MARESCO (IT)
    FIORELLA MARIANI (IT)
    ANDREA MARTIGNONI (IT)
    ANNA MARZIANO (IT)
    SIMONE MASSI (IT)
    ANTONELLO MATARAZZO (IT)
    MIKO MELONI (IT/BOL)
    CLAUDIO METALLO (IT)
    MIGUEL MIRRA (ARG)

    [/one_third] [one_third_last] VALENTINA MONTI (IT)
    PATRIZIA MONZANI (IT/ES)
    VIRGINIA MORI (IT)
    MIRTA MORRONE (IT)
    MOVIMENTOMILC (IT)
    BRUNO MUNARI (IT)
    CLAUDIA MURATORI (IT)
    JEAN FRANÇOIS NEPLAZ (FR)
    MARCO NERI (IT)
    MICHELA OCCHIPINTI (IT)
    MASSIMO OTTONI (IT)
    OFFICINA MULTIMEDIALE (IT)
    CLARA PAIS (PRT)
    RAPHAËLLE PAUPERT-BORNE (FR)
    GREGORY PETITQUEUX (IT/FR)
    ANDREA PETRUCCI (IT)
    FRANCO PIAVOLI (IT)
    MARCELLO PICCARDO (IT)
    BENNET PIMPINELLA (IT)
    BEATRICE PUCCI (IT)
    JULIE RAMAIOLI (FR)
    ALVISE RENZINI (IT)
    REZZA/MASTRELLA (IT)
    CAROLINA RIVAS (MÉX)
    SAUL SAGUATTI – BASMATI (IT)
    DONATO SANSONE (IT)
    MAURO SANTINI (IT)
    ROMANO SCAVOLINI (IT)
    MARC SCIALOM (FR)
    FRANCESCO SELVI (IT)
    MICHELANGELO SEVERGNINI (IT)
    HANNES SCHÜPBACH (CH)
    VITTORIO SINDONI (IT)
    SMK-VIDEOFACTORY (IT)
    GIUSEPPE SPINA (IT)
    TELEIMMAGINI (IT)
    COSIMO TERLIZZI (IT)
    THE UNDERGROUND FILM STUDIO (P/UK)
    LO THIVOLLE (FR)
    FILIPPO TICOZZI (IT)
    MOIRA TIERNEY (USA)
    GIANLUIGI TOCCAFONDO (IT)
    PIERO TOMASELLI (IT)
    ALESSIA TRAVAGLINI (IT)
    AUGUSTO TRETTI (IT)
    VIRGILIO VILLORESI (IT)
    LUCA VULLO (IT)
    PETRA ZLONOGA (HR) [/one_third_last]


    TRAILER E ESTRATTI
    banner_nomadica_google

     

    Read More
  • “Nomadica: metodi autonomi di fare e dare cinema”

    On: 26 gennaio 2013
    In: 2012/2013
    Views: 0
     Like

    ROMA_ 26 Gennaio_ Cinema Trevi – Cineteca Nazionale
    “Nomadica: metodi autonomi di fare e dare cinema”
    / con i film di Luca Ferri, frameOFF, Leonardo Carrano / qui il programma

    Read More
  • Nomadica: metodi autonomi di fare e dare cinema

    On: 26 gennaio 2013
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    logo_CSC

     

     

     

     

    Vari modi di vedere, fare, costruire e perdersi nel cinema, fuori dagli schemi e (spesso) dagli schermi. Interventi di Luca Ferri, del collettivo frameOFF e di Leonardo Carrano.

    26 gennaio 2013

    ore 17.00

    Presentazione di Luca Ferri

     a seguire

    Ecce Ubu (2012)

    Regia: Luca Ferri, in collaborazione con Alberto Valtellina; musica: Dario Agazzi; origine: Italia; produzione: Lab80; durata: 60′

    Il film è un calcolo matematico che per compiersi necessita di un’apparizione patafisica. Sessanta scene girate in super8, di diversa estrazione, sono state recuperate dall’archivio “Cinescatti” di Lab80. Sono filmati elementari di viaggi, di vita familiare o di manifestazioni, ma anche filmati “non filmati”, registrati per dimenticanza di spengimento dell’apparecchio filmico. L’opera non s’interessa a nessuna ricostruzione storica o rievocazione di un mezzo ormai deceduto, ma si limita a creare un meccanismo rigoroso. Le sessanta scene passeranno in modo sistematico e graduale, dalla più veloce alla più lenta. Dapprima ogni scena occuperà un secondo, poi due, tre, e via dicendo, per arrivare all’ultima sequenza, che dovrebbe essere la più fedele e cronologicamente esatta, ma che sarà essa stessa finzione, come le precedenti, in quanto cinema.

    a seguire

    Kaputt/katastrophe (2012)

    Regia: Luca Ferri; musica: Dario Agazzi; montaggio: Simone Marchi; origine: Italia; durata: 16′

    In una Zurigo soleggiata ed estiva, i giovani di tutta Europa si sono dati appuntamento per la “Street Parade”. L’obiettivo è quello di essere diversi, originali, modernamente proiettati alla sovversione dello stato attuale delle cose. La nuova regola per le prossime otto ore e la trasgressione delle regole. Tutti sono improvvisamente diventati attori senza spettatore alcuno nell’intento sbilenco di rappresentare disgraziatamente se stessi. Una partitura musicale, rigorosamente scritta, viene stancamente e ossessivamente suonata mentre una voce meccanica “off” ci ripete di una umana condizione catastroficamente immutata e immutabile. Nel deforme e grottesco fluire delle vicende umane appare improvvisamente un vetusto alpeggiatore barbuto a guardarci e guardare per qualche secondo. Forse è una tregua, immaginiamo un luogo per sperare, ma poi tutto ricomincia come se nulla fosse accaduto dal medesimo punto dove tutto non è mai iniziato. Non c’è luogo, non c’è vita, non c’è modo di sperar, non c’è.

    ore 19.00

    Presentazione del collettivo frameOFF

    a seguire

    Caminante di frameOFF (2012)

    Regia, montaggio, produzione:frameOFF; musica: Giovanni Fiderio; origine: Italia; durata: 70′

    frameOFF è un gruppo aperto per la ricerca nel cinema e nella fotografia, un crocevia di esperimenti soggettivi e collettivi che si incrociano e si intrecciano. frameOFF è un laboratorio di interventi sullo sguardo come sui metodi di produzione, sul sociale come sulle strutture narrative.

    I Caminanti vivono a Noto, Siracusa, da oltre 60 anni, e formano una comunità di qualche migliaio di persone. Seminomadi, girano per la Sicilia e l’Italia vendendo palloncini o come arrotini, ombrellai e stagnini, continuando la tradizione dei vecchi carrettieri. Altri vivono isolati all’interno del quartiere, tra i propri simboli e la propria cultura, che a tratti si lega ancora a quella di una Sicilia preurbana. Per la prima volta molti di loro sono riusciti a creare uno scambio partecipando a questo film, condividendo le proprie esperienze, i mestieri, le storie spesso tragiche, le opinioni e i momenti più importanti della vita del gruppo lungo un arco di due anni. Nasce così un ritratto della comunità complesso e variegato, anomalo ma compatto, realizzato attraverso uno sguardo che non tende al commento, che lascia l’occhio libero all’osservazione di quella che possiamo definire una cultura esistente a sé, ma che si trasforma nonostante tutto e tutti.

    a seguire

    El tiempo del no tiempo (2012)

    Regia, montaggio: Giulia Mazzone, Giuseppe Spina; origine: Messico/Italia; produzione: frameOFF, Nomadica; durata: 44′

    Cento anni dalla rivoluzione messicana e duecento dall’indipendenza. Migliaia le vittime del narcotraffico in un paese tra i più pericolosi al mondo. Le popolazioni indigene lottano per la dignità, i marxisti contro gli imperialismi, le farmacie vendono sigarette, il 50% della popolazione muore di fame, lo zapatismo si chiude, la sinistra si frammenta, la destra compromessa governa. Vitalità e atrocità segnano una situazione sociale convulsa ma in fermento.

    Attraversare il Messico diviene così una riflessione politica, storica e antropologica. Le parole e le immagini di questo film si intrecciano in concetti e sensazioni senza sosta, creando una sorta di flusso continuo, un domino sulla condizione dell’uomo contemporaneo.

    ore 21.00

    Presentazione di Leonardo Carrano

    a seguire

    AETERNA di Leonardo Carrano (2006-2012)

    Un progetto di animazione sperimentale di Leonardo Carrano; musica: Requiem KV 626 W. A. Mozart: eseguita dal Coro dell’Università di Pisa; origine: Italia; durata: 58′

    L’ambizione del progetto Requiem è quella di trasporre in video l’immaginazione scaturita dall’omonimo componimento mozartiano: per ciascuno dei quattordici movimenti della celebre Messa è stata realizzata una video-animazione sperimentale, con l’obiettivo di comporre un insieme organico ma variegato quanto a tecniche d’animazione e linguaggi espressivi. A tale proposito, ciascuno dei film è stato realizzato con la collaborazione di un co-regista (Mikulas Rachilc, Alessandro Pierattini, Ada Impallara, Renato Flenghi, Luca Zoppi, Silvio Giorcelli, Luca Romani, Alberto Antonio Dandolo, Alain Parroni), che ha arricchito la ricerca con la propria sensibilità e il proprio apporto artistico, culturale e tecnico.

    Read More
  • Nomadica segnala_29.12.2012

    On: 25 dicembre 2012
    In: 2012/2013
    Views: 190
     Like

    29 – 30 – 31 Dicembre 2012
    Vecchie Segherie, Bisceglie

    Avvistamenti
    X Mostra Internazionale del Video e del Cinema d’Autore
    2002|2012 dieci anni di (r)esistenza
    [All’interno i film di Luca Ferri, Alessio Di Zio e Giuseppe Boccassini] www.cineclubcanudo.it

    Read More