• Nomadica / Capo d’Orlando, Agosto 2014

    On: 15 luglio 2014
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    nomadica capo d'orlando

    Capo d’Orlando diventa nel 2014 il luogo da cui prende il via la 5a Edizione della Mostra Itinerante di Nomadica, che nei mesi successivi percorrerà diverse città italiane e poi Francia, Germania e così via. Il programma di quest’anno dà luce alle molteplici entità artistiche che compongono Nomadica:

    Augusto Tretti, Luigi Di Gianni, Norman McLaren, John Giorno, Luigi Di Ruscio, Domenico Brancale, Jonny Costantino, Antonello Faretta, Archivio INVIDEO, Andrea Martignoni, Luca Ferri, Davide Manuli, Leonardo Carrano, l’Animazione italiana contemporanea, l’Underground italiano dei ’60,

    e altri cineasti di cui verranno presentati i film tra il FARO e la Sala della Biblioteca Comunale. Un cinema inteso come mezzo di ricerca caleidoscopico, multiforme, come territorialità sperduta nei suoi confini, senza un tracciato preciso e proprio per questo ricco di poesie, leggende, fantasmi, suoni, colori, luci ed eclissi, che possono stupire, meravigliare, condurre lo spettatore verso il riconoscimento di un nuovo sguardo, di nuove e nascoste percezioni.

    In collaborazione con: Cineteca Nazionale (Roma), INVIDEO (Milano), Ass. Ottomani (Bologna),
    le riviste digitali “Rapporto Confidenziale” e “Rifrazioni. Dal cinema all’oltre”
    Con il contributo del Comune di Capo d’Orlando

    il PROGRAMMA e di seguito il GIORNALE DELLA MOSTRA

    capo d'orlando_nomadica


    mercoledì 20 agosto – Faro di Capo d’Orlando – dalle ore 21.30
    luci/eclissi | cinema/poesia

    • Abbiamo ancora bisogno di candele
    performance poetica di Domenico Brancale con videoscenografie live di Antonello Faretta
    • Nine poems in Basilicata
    un film di poesia con John Giorno diretto da Antonello Faretta (Italia, 2007, 55’)
    presentato da Antonello Faretta e Adriana Bruno
    • La neve nera. Luigi Di Ruscio ad Oslo, un italiano all’inferno
    un documentario di Paolo Marzoni e Angelo Ferracuti (Italia, 2014, 57’)


    giovedì 21 agosto – Biblioteca Comunale di Capo d’Orlando – dalle ore 19

    Approfondimenti [luci/eclissi | cinema/poesia]
    in collaborazione con la Cineteca Nazionale

    • Sulla poesia di Franco Brocani (Italia, 1984, 13’)
    • L.S.D. di Romano Scavolini (Italia, 1968-70, 10’)
    • La quieta febbre di Romano Scavolini (Italia, 1964, 10’)
    • Bis di Paolo Brunatto (Italia, 1966, 20’)
    • Soglie di Nato Frascà (Italia, 1978, 11’)


    giovedì 21 agosto – Faro di Capo d’Orlando – dalle ore 21.30

    da Norman McLaren al cinema d’animazione contemporaneo

    • Omaggio a Norman McLaren
    presentato da Andrea Martignoni e Leonardo Carrano

    L’animazione italiana (vista) dal sonoro di Andrea Martignoni, con i film:
    • Basmati di Saul Saguatti (Italia, 2006, 6’)
    • Fino di Blu (Italia, 2006, 2’)
    • J di Virgilio Villoresi (Italia, 2009, 5’)
    • Big Bang Big Boom di Blu (Italia, 2011, 9’)
    • Triptyque #2 di Pierre Hébert (Canada, 2011, 10’)
    • La Testa tra le nuvole di Roberto Catani (Italia, 2013, 8’)
    • Saint Laszlo Vs Saint Mary from Egypt di Magda Guidi (Italia, 2014, 3’)
    • Üto di David Buob (Germania, 2014, 7’)
    • Hunger di Petra Zlonoga (Croazia, 2014, 6’)


    venerdì 22 agosto – Biblioteca Comunale di Capo d’Orlando – dalle ore 19
    Approfondimenti [sul cinema d’animazione italiano]
    in collaborazione con Ottomani

    • La Piccola Russia di Gianluigi Toccafondo (Italia, 2004, 16’)
    • Il gioco del silenzio di Virginia Mori (Italia, 2009, 5’)
    • Videogioco di Donato Sansone (Italia, 2009, 1’)
    • Love Cube di Donato Sansone (Italia, 2004, 2’)
    • Il numero delle bestie di Ericailcane (Italia, 2010, 5’)
    • Percorso#0008-0209 di Igor Imhoff (Italia, 2009, 5’)
    • Imago di Beatrice Pucci (Italia, 2008, 6’)
    • Senza Testa di Michele Bernardi (Italia, 2009, 5’)
    • Arithmétique di Giovanni Munari e Dalila Rovazzani (Italia, 2010, 4’)
    • Ci sono gli spiriti di Alvise Renzini (Italia, 2009, 6’)
    • Marco di Ignazio Morello (Italia, 2005, 5’)
    • L’insalata del diavolo di Alice & Stefano Tambellini (Italia, 2010, 1’)
    • Silenziosa-Mente di Alessia Travaglini (Italia, 2011, 5’)
    • Rouge di Claudia Muratori (Italia, 1998, 1’)
    • La Funambola di Roberto Catani (Italia, 2002, 6’)


    venerdì 22 agosto – Faro di Capo d’Orlando – dalle ore 21.30
    Il potere (autarchico) del cinema

    • Estratti dal cinema di Luca Ferri // Kaputt oder Katastrophe!
    Caro Nonno (anteprima assoluta), omaggio al M° D. Agazzi (Italia, 2014, 20’)

    • Omaggio ad Augusto Tretti
    in collaborazione con Cineteca Nazionale
    Il potere
    un film di Augusto Tretti (Italia, 1971, 86′)
    presentano Alessio Galbiati e Roberto Rippa (Rapporto Confidenziale)

    sabato 23 agosto – Biblioteca Comunale di Capo d’Orlando – dalle ore 19
    Approfondimenti [il potere – autarchico – del cinema]
    dall’Archivio di Nomadica

    • La benedizione degli animali di Cosimo Terlizzi (Italia, 2014, 7’)
    • L’attesa di Francesco Selvi (Italia, 2011, 10’)
    • Alice e Zhuang Zi di Jacopo Chessa (Italia, 2010, 7’)
    • L’età dell’anima ha le estati contate una trilogia di Salvatore Insana (It/Fr, 2013-14, 18’)
    • Spectography of a battle di Fabio Scacchioli e Vincenzo Core (Italia, 2012, 4’)
    • dead SEEquences di Fabio Scacchioli (Italia, 2009, 4’)
    • 108 seconds to born and dead di Fabio Scacchioli (Italia, 2008, 3’)


    sabato 23 agosto – Faro di Capo d’Orlando – dalle ore 21.30

    neo-leggende

    • Jazz for a Massacre
    un film di Leonardo Carrano e Giuseppe Spina (Italia, 2014, 16’)
    con la presenza di Leonardo Carrano e Giuseppe Spina
    • AETERNA
    un film di Leonardo Carrano (Italia, 2012, 58’)
    con la presenza di Leonardo Carrano
    • La leggenda di Kaspar Hauser
    un film di Davide Manuli (Italia, 2012, 95’)
    presentano Alessio Galbiati e Roberto Rippa (Rapporto Confidenziale)


    domenica 24 agosto – Biblioteca Comunale di Capo d’Orlando – dalle ore 19

    Approfondimenti [neo-leggende]
    dall’Archivio di INVIDEO
    • 9 video-opere internazionali a cura di INVIDEO, 2001/2012, durata tot. 70’
    opere provenienti da Gran Bretagna, Stati Uniti, Svizzera, Finlandia, Francia, Austria, Olanda


    domenica 24 agosto – Faro di Capo d’Orlando – dalle ore 21.30

    Rifrazioni, immagini, anime

    • Estratti dal cinema di Jonny Costantino e Fabio Badolato // dal cinema all’oltre!
    con la presenza di Jonny Costantino
    Le Corbusier in Calabria (Italia, 2009, 11’)
    Beira Mar (Italia, 2010, 14’)

    • Omaggio a Luigi Di Gianni
    in collaborazione con Cineteca Nazionale
    presentano Jonny Costantino e Giuseppe Spina
    Magia lucana (doc. Italia, 1958, 19’) [ I° Premio del Documentario al Festival di Venezia 1958] L’annunziata (documentario, Italia, 1962, 11’)
    La potenza degli spiriti (documentario, Italia, 1968,18’)
    La tana (fiction, Italia, 1967, 31’) [Festival di Cannes 1968]

    IL GIORNALE DELLA MOSTRA (scarica in pdf)

     

     

    Read More
  • L’alfabeto perduto della realtà. Il cinema di Franco Piavoli

    On: 31 dicembre 2013
    In: 2013/2014
    Views: 194
     Like


    NOMADICA presenta
    L’alfabeto perduto della realtà. Il cinema di Franco Piavoli
    Sala Trevi. Cineteca Nazionale // 22-24 gennaio 2014

    “Nomadica presenta una retrospettiva itinerante (mai) completa sul cinema di Franco Piavoli. Siamo convinti – oggi più che mai – dell’importanza di “ritrovare” (Brenta), ancora e ancora, quell’“alfabeto perduto della realtà” (Kezich) attraverso il cinema, che ci è in-segnato da Piavoli. Un modo di sentire il cosmo attraverso microcosmi, spazi locali, attese, silenzi, ridati da un linguaggio “primo”, non già codificato, che permette finalmente di svincolarsi dal concetto e di lasciarsi andare alla grandezza della natura, del mondo, dell’uomo stesso.
    Questo movimento prende il via dalla realizzazione del film Habitat [Piavoli], da subito all’interno di Nomadica, e non può non proiettarsi in altri “derivati italiani” del maestro. Il cinema-si-muove (che lo si voglia o no)” (Giuseppe Spina).
    Rassegna a cura di Giuseppe Spina e Luca Ferri (Nomadica)

    Franco_Piavoli_Nostos_Nomadica
    (altro…)

    Read More
  • D.Agazzi_Sulla “musica” da film. Breve nota

    On: 31 dicembre 2013
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    dario_agazzi_

    Text on new TAB _ M° DARIO AGAZZI _ SULLA “MUSICA” DA FILM. BREVE NOTA

     dario_agazzi_musica

    Read More
  • Analitica del cinematografo (1)

    On: 14 novembre 2013
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    Text on new TAB / Page Background Audio  (by mechanical voice) di LUCA FERRI

    PDF Analitica del cinematografo (1)  / AUDIO

    Contiene_
    “Analitica del cinematografo. Omaggio ad Augusto Tretti” di Luca Ferri
    “Il cinematografo di Luca Ferri, un excursus” di Dario Agazzi
    Fotografie di Claudio Cristini

     

    Schermata 11-2456612 alle 22.06.04

    Read More
  • HABITAT [PIAVOLI]

    On: 12 maggio 2013
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    un film di / a film by Claudio Casazza e Luca Ferri

    Franco Piavoli nel suo mondo, nel suo habitat.
    La sua casa, i suoi oggetti e le immagini dei suoi film che si perdono tra quelle odierne.
    Il tempo che scorre, gli oggetti che rimangono e le persone che se ne vanno.

    Franco Piavoli in his world, in his habitat.
    His home, his objects and the pictures of his films that blend into the pictures of today.
    Time that goes by, the objects that remains and people who fly away.

    SINOSSI / SYNOPSIS

    La casa, gli oggetti, le stampe e la natura di Franco Piavoli. A loro abbiamo chiesto di parlare. Asciutta ricostruzione del mondo in cui vive uno dei più grandi e appartati registi italiani. Il peso della parola e del riprendere quel che si dice, del cinema come inganno, rivelazione e marchingegno. Ci parla ed è credibile perché sappiamo che ci dice di qualcosa che conosce. Il tempo che abbiamo condiviso con lui è il risultato di questo lavoro.

    Franco Piavoli and his house, objects, prints and nature. We asked them to speak. Mere reconstruction of the world one of the greatest yet withdrawn Italian directors lives in. The importance of words and of shooting what is said, of cinema as deception, revelation and mechanism. He speaks to us and he is reliable, because we know he tells us something he knows. The time we shared with him is the result of this work.

    PIAVOL3

    NOTE DI REGIA / DIRECTORS’ NOTE

    Un film asciutto, per nulla didascalico. A parlare per Franco Piavoli ci aiutano le sue stampe, i suoi libri e tutti gli ambienti della sua residenza, che sembrano una perfetta estensione del suo agire e del suo raccontarsi.
    Abbiamo preferito guardarci attorno e registrare i segni e le cose. Il tempo che abbiamo passato insieme ci ha poi permesso di non chiedergli nulla registrando così alcuni “frammenti” del suo pensiero in una modalità rilassata e per nulla invasiva.
    Il risultato sono immagini ferme, fisse, di pura contemplazione in cui il regista si è serenamente specchiato in quel gioco cinematografico che chiameremo per comodità marchingegno. Nel meccanismo abbiamo espressamente voluto che la telecamera, oggetto ingombrante, registrasse il tutto senza la negazione della sua presenza. Ne risulta per cortocircuito, una maggiore spontaneità e/o forzatura liberatoria, dove un grande regista conscio degli inganni del gioco di ripresa ha potuto raccontarsi senza la pretesa e l’oppressione di una accurata ricostruzione di vita e opere. Il lavoro ha precise necessità estetiche a cui abbiamo assoggettato l’intera azione di ripresa.

    A dry film, not didactic at all. For telling about Franco Piavoli we were helped by his prints, his books and all the rooms of his house that seem to be a perfect extension of his acting and talking about himself. We preferred to look around and record signs and things. The time we spent with him allowed us not to ask him anything and, by this way, to record some fragments of his thinking in a relaxed and not invasive way. The results are still images of pure contemplation, in which the director could peacefully be reflected in that cinematographic game that we call mechanism for convenience. In the mechanism we explicitly wanted the camera, bulky object, to shoot without hiding its presence. For a short circuit, we obtained more spontaneity and/or liberating forcing, where a great director, aware of the deceptions of the shooting game, could tell about himself without pretending – and be oppressed byan accurate reconstruction of his life and works. Our work had precise aesthetic needs to which we subjected the entire shooting action.

    PIVOLI1


    CHI E’ FRANCO PIAVOLI / WHO IS FRANCO PIAVOLI

    Franco Piavoli, regista.
    Quattro lungometraggi e due manciate di cortometraggi ne hanno fatto un autore di un cinema unico e insuperato.
    Un esempio (un maestro) per chi ama il cinema.

    Franco Piavoli, director. Four feature films and two handfuls of short films made him the author of a unique and unsurpassed cinema.
    An example and a master to those who love cinema.


    Lungometraggi / Feature films

    Il pianeta azzurro, 1982.
    Nostos – Il Ritorno, 1989.
    Voci nel tempo, 1996.
    Al primo soffio di vento, 2002.

    Cortometraggi e mediometraggi / Short and medium length films

    Frammenti, 2012.
    L’orto di flora (all’interno di “Terra madre” di Ermanno Olmi), 2009
    Affettuosa presenza, 2004.
    Il parco del Mincio, 1987.
    Lucidi inganni, 1986.
    Evasi, 1964.
    Emigranti, 1963.
    Domenica sera, 1962.
    Le stagioni, 1961.
    Incidente, 1955.
    Ambulatorio, 1954.
    Uccellanda, 1953.

    habitat_piavoli

     

    Read More