• N O M A D I C A | B O L O G N A , A p r i l e 2 0 1 5

    On: 2 aprile 2015
    In: 2014/2015
    Views: 557
     Like

    10.11.12 aprile, Spazio Menomale, via de’ Pepoli 1/a
    in collaborazione con la Cineteca di Bologna

    Nomadica _ Atelier per le arti e il cinema di ricerca
    seminario II : Franco Piavoli
    “VERSO L’ALFABETO (PERDUTO) DELLA REALTA'”

    atelier_Nomadica_3

    vai al programma completo

    •••••

    10.11 aprile, Cinema Lumière, via Azzo Gardino 65
    parallelamente al seminario, in collaborazione con la Cineteca di Bologna

    RETROSPETTIVA DI FRANCO PIAVOLI

    Franco_Piavoli_Nostos_Nomadica

    > 10 aprile, ore 20.15
    alla presenza del maestro Franco Piavoli
    IL PIANETA AZZURRO
    Italia, 1982 (88′ – 35mm, col., copia in pellicola 35mm dalla Cineteca Nazionale)
    Sceneggiatura, regia, fotografia, montaggio: Franco Piavoli

    > 11 aprile, ore 18.00
    alla presenza del maestro Franco Piavoli
    NOSTOS – IL RITORNO
    Italia, 1989 (87′ – 35mm, col., copia in pellicola 35mm dalla Cineteca Nazionale)
    Sceneggiatura, regia, fotografia, montaggio e suono: Franco Piavoli
    a seguire
    SELEZIONE DI CORTOMETRAGGI di Franco Piavoli:
    Evasi (1964, 12′) / Le stagioni (1961, 25′) / Emigranti (1963, 12′) / Domenica sera (1962, 12′)
    (dall’edizione dvd “Poesie in 8 mm” edita dalla Cineteca Italiana)

    [per gli iscritti al seminario, gli ingressi alle proiezioni in Cineteca sono gratuiti]

    •••••

    15 aprile, 21.00 – Modo Infoshop, via Mascarella 24/b
    in collaborazione con Libreria ModoInfoshop

    “LAMPI. La fotografia vista dall’occhio dei grandi del cinema.”
    un testo di Claudio Capanna
    intervengono Claudio Capanna, Francesco Cattaneo, Alice Cesari e Giuseppe Spina

    Kiarostami_snow002_nomadica

    Cos’hanno in comune Andrej Tarkovskij, Stanley Kubrick, Wim Wenders o Leni Riefenstahl, oltre al legame indissolubile per il cinema? Questi autori sono stati in momenti e forme diverse, anche fotografi e hanno spesso lasciato la loro impronta sulla storia di questa moderna forma d’arte.
    Il regista – fotografo è un esule, in fuga dai complessi sistemi produttivi della macchina cinema. Egli trova rifugio sicuro nella fotografia, arte solitaria e poetica, fumosa e astratta come gli scatti di Luigi Ghirri o le poesie di Tonino Guerra.

    Questo libro è formato da una serie di saggi, apparsi in modo non continuativo sulle riviste “Carte di Cinema” e “Rifrazioni – dal cinema all’oltre” tra il 2007 e il 2013. Il testo si propone di approfondire il legame tra arte cinematografica e fotografia, ed in particolare di analizzare il lavoro di alcuni grandi cineasti che hanno dedicato una parte della loro carriera (e in alcuni casi della loro vita privata) alla fotografia.
    Nasce così la figura del regista – fotografo, che si trova ad affrontare le specifiche tecniche ed artistiche di due forme di comunicazione complesse e fondamentali nel panorama sociologico e antropologico degli ultimi due secoli.

    Claudio Capanna nasce a Roma nel 1980. Si laurea in cinema e inizia nel 1999 a realizzare documentari e cortometraggi, presentati in vari festival internazionali. Nel 2006 si sposta a Parigi e studia cinema documentario presso gli Ateliers Varan. Successivamente viaggia in Sud America e Africa centrale e lavora per conto di ONG, come fotografo e regista. Dal 2008 ad oggi ha collaborato con alcuni grandi network televisivi europei, come Arte France, RSI, SF , SVT, Sky Italia, Rai News 24. Nel 2012 realizza, con Chafik Allal, il film Bateau Ivre che è stato proiettato alla Cineteca di Bologna e ha vinto diversi premi in festival europei ed africani. Attualmente vive a Bruxelles, lavora presso la televisione pubblica belga (RTBF), e contemporaneamente realizza un documentario sul mondo dei bambini prematuri.

    •••••

    24 aprile, 21.45 – Spazio Menomale, via de’ Pepoli 1/a
    per la prima volta a Bologna

    “LE SEDIE DI DIO”
    un film di Jérôme Walter Gueguen

    Jérôme è un regista che vuole fare un film importante, che incarni i nostri tempi e la sempiterna crisi del presente. Vuole fare un film che possa unire denuncia sociale e commedia, intimismo e surrealtà. Jérôme vuole fare un film sulle sedie. Oggetti simbolo di ogni ragionamento semiologico, strumenti quotidiani di utile semplicità, le sedie sono l’incarnazione perfetta di ogni processo produttivo, icona semplice per parlare di economia e di produzione. Ma, come una pila di seggiole accatastate, anche il film è una pellicola su più strati e più livelli. Nanni Moretti, Elio Petri, i mockumentary, le videoinstallazioni; Jérôme e il suo film sulle sedie attraverseranno ogni fase cinematografica, ogni genere, per diventare un film de-genere, de-strutturato, de-localizzato. Le sedie di Dio spinge lo spettatore a uno scarto: chi sono i personaggi? È reale quello che accade? Mentre le riprese del film di Jérôme avanzano, anche i confini stessi della pellicola che lo spettatore sta guardando iniziano a confondersi. Enrico produttore scettico, Simone scrittore spiantato, la Francia, l’Italia, la Cina. Appassionanti, impegnati, indecisi, irritanti o accattivanti, i personaggi sono ogni possibile declinazione del prodotto (artistico) cinematografico, e forse, come ogni buon prodotto che si rispetti, rischieranno di finire fuori produzione. – Andrea Lavagnini, Milano Film Festival

    vai alla pagina del film

    le_sedie_di_dio_Jérôme_Walter_Gueguen_nomadica

    Read More
  • Newsletter_2gennaio2015

    On: 4 febbraio 2015
    In: 2014/2015
    Views: 547
     Like

    ROMA,  Cinema Trevi – Cineteca Nazionale, 28.29.30 GENNAIO 2015

    NOMADICA
    circuito per il cinema di ricerca

    in collaborazione con
    FUORI ORARIO cose (mai) viste
    CINETECA NAZIONALE

    presenta

    in girum imus nocte et consumimur igni
    (della catastrofe e dei suoi superstiti)

    I nomi delle tre giornate di Roma: Nato Frascà, Antonello Matarazzo, Carlo Michele Schirinzi, la redazione di “FuoriOrario cose (mai) viste”, Michelangelo Buffa, Steve Della Casa, John Giorno, Antonello Faretta, Giorgio De Vincenti, Gabriele Anaclerio, Giannalberto Bendazzi, Giacomo Ravesi, Manfredo Manfredi, Mario Addis, Leonardo Carrano, Michela Occhipinti, Fatima Bianchi, Fiorella Mariani, enrico ghezzi e – presenti/assenti – Giulia Mazzone e Giuseppe Spina per Nomadica

    Qui il programma

    • • • • • • • • • • • • •

    ATELIER PER LE ARTI E IL CINEMA DI RICERCA (BOLOGNA, 2015)

    in collaborazione con
    SPAZIO MENOMALE
    CINETECA DI BOLOGNA

    Nomadica dà il via ad una serie di seminari e workshop, finalizzati alla diffusione di un “pensiero altro” dell’immagine in movimento, del cinema come del teatro, dell’arte, delle “realtà” ed esperienze. Dopo centinaia di proiezioni e incontri, ruotiamo l’attenzione dallo schermo all’autore e al suo pensiero, dal film all’esperienza. Attraverso dei seminari e dei workshop di alto profilo, si darà la rarissima opportunità di conoscere a fondo autori, scrittori, filosofi, cineasti, maestri, e di scoprirne i segreti, le tecniche, entrando in stretto contatto con la loro visionarietà, la loro fantasia, il loro mondo.
    E’ un percorso che condurrà tra gli infiniti e nascosti sentieri della ricerca – italiana e non – in modo svincolato e non accademico. Il primo incontro con enrico ghezzi – nume del cinematografo – e, a seguire, il secondo con Franco Piavoli, maestro indiscusso. I primi due incontri si terranno a Bologna, hanno il patrocinio della Cineteca cittadina e la collaborazione dello Spazio Menomale.
    Sono indirizzati a tutti gli interessati senza limiti di età e specializzazione.

    1 _ enrico ghezzi
    durata 3 giorni _ 6.7.8 Marzo 2015
    + proiezione Cineteca di Bologna (in una delle giornate del seminario)

    2 _ Franco Piavoli
    durata 3 giorni – 10.11.12 Aprile 2015
    + retrospettiva Cineteca di Bologna il 10 e 11 Aprile

    Per info e iscrizioni:

    Atelier per le arti e il cinema di ricerca


    • info@nomadica.eu •

    • • • • • • • • • • • • •

    Continuano le proiezioni e gli incontri presso lo Spazio LabUS di Benevento // per altre info

    • • • • • • • • • • • • •

    Per un BUON 2015 !!

    • • • • • • • • • • • •

    Read More
  • seminario II _ Franco Piavoli

    On: 30 dicembre 2014
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    Franco_Piavoli_Nostos_Nomadica


    Franco Piavoli. Verso l’alfabeto (perduto) della realtà

    durata 3 giorni _ 10.11.12 Aprile 2015
    + retrospettiva Cineteca di Bologna (il 10 e 11 Aprile)


    in collaborazione con

    logo_menomale_nero cineteca.logo.negativo.alta

    Ritrovare “l’alfabeto del reale” e guardare il mondo, l’uomo, la natura come riflesso di una realtà interiore, di un percorso della vita. L’esperienza di Franco Piavoli è unica, così come la sua opera cinematografica fatta di paesaggi visivi e sonori che esplorano la natura e l’uomo. Capolavori assoluti, i suoi film si avvicinano al “documentario di creazione” ma difficilmente si iscrivono in una categoria precisa. Hanno ricevuto premi e riconoscimenti in tutto il mondo.

    Rediscover the “Alphabet of Reality” and look at the world, the human being, the nature as a reflection of an interior realit, of a life’s path. The experience of Franco Piavoli is unique, as well as his cinematographic works made of visual and sound landscapes that explores man and nature. Absolute masterpieces, his films resemble the creation’s documentary, but they hardly inscribe in a specific category. They have received awards and recongnitions all over the world.

    Franco Piavoli (Pozzolengo, Bs, 1933) si laurea in Giurisprudenza nel 1954 e per cinque anni esercita la professione di avvocato, continuando a coltivare l’interesse per la fotografia, la pittura, l’etologia e la botanica. Dall’inizio degli anni sessanta è insegnante in un istituto tecnico e realizza cortometraggi a passo ridotto, premiati in numerosi concorsi nazionali. Nel 1974 Silvano Agosti, Marco Bellocchio, Stefano Rulli e Sandro Petraglia gli dedicano spazio nel programma televisivo “La macchina cinema”. Nel 1978 abbandona la scuola e, sulla spinta di Silvano Agosti, inizia a lavorare al primo lungometraggio, Il pianeta azzurro, presentato con successo nel 1982 alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Collabora con la RAI per un cortometraggio dedicato al fiume Mincio e nel corso degli anni Ottanta cura la regia di alcune opere liriche. Distilla i propri film con parsimonia, presentandoli al pubblico nella cornice dei principali festival internazionali: Nostos. Il ritorno (1989), Voci nel tempo (1996), Al primo soffio di vento (2002). Vive e lavora a Pozzolengo.

    > vai alla Biografia e Filmografia completa

    – programma –

    10 A P R I L E, ore 10.00 – 17.00 (con pausa pranzo), Spazio Menomale via de’ Pepoli 1/a
    Elementi di base del cinema di Franco Piavoli.
    Il maestro si racconterà da un punto di vista biografico e ci introdurrà nella sua personale visione del cinema attraverso esempi e opere centrali della propria ricerca.

    – ore 20.15, Cineteca di Bologna
    alla presenza del maestro Franco Piavoli
    IL PIANETA AZZURRO
    Italia, 1982 (88′ – 35mm, col., copia in pellicola 35mm dalla Cineteca Nazionale)
    Sceneggiatura, regia, fotografia, montaggio: Franco Piavoli

    11 A P R I L E, ore 10.00 – 17.00 (con pausa pranzo), Spazio Menomale via de’ Pepoli 1/a
    Analisi e contestualizzazione dei film: “Il pianeta azzurro” e “Voci nel tempo”.
    Con il maestro sprofonderemo tra gli elementi che compongono il suo cinema: il tempo e la natura, le cose e i borghi, l’uomo, la vita, le immagini, i suoni.

    – ore 18.00, Cineteca di Bologna
    alla presenza del maestro Franco Piavoli
    NOSTOS – IL RITORNO
    Italia, 1989 (87′ – 35mm, col., copia in pellicola 35mm dalla Cineteca Nazionale)
    Sceneggiatura, regia, fotografia, montaggio e suono: Franco Piavoli
    a seguire
    SELEZIONE DI CORTOMETRAGGI di Franco Piavoli:
    Evasi (1964, 12′) / Le stagioni (1961, 25′) / Emigranti (1963, 12′) / Domenica sera (1962, 12′)
    (dall’edizione dvd “Poesie in 8 mm” edita dalla Cineteca Italiana)

    12 A P R I L E, ore 10.00 – 17.00 (con pausa pranzo), Spazio Menomale via de’ Pepoli 1/a
    Dall’analisi dei cortometraggi – messi in relazione all’intera opera del maestro – si passerà al racconto e all’approfondimento della costruzione di “Nostos – Il ritorno”, unica grande opera di finzione da lui realizzata.

    Note
    – gli incontri avranno un’impostazione “circolare” e non frontale, ciò per favorire quanto più lo scambio e la condivisione e non supporre gerarchie di sorta.
    – tutti gli ingressi alla retrospettiva curata da Nomadica presso la Cineteca di Bologna sono compresi nella quota di iscrizione.

    – INFORMAZIONI UTILI –

    Dove
    I seminari si terranno presso la SalaNomadica | SpazioMenomale, in via de’ Pepoli 1/a, Bologna _ Vai a Maps

    Costi e promozioni
    intero • 200 €
    • promozione per iscrizioni al seminario di Franco Piavoli entro il 22 marzo 2015 • 180 €
    • promozione per STUDENTI • 120 €
    • promozione per iscrizioni ai due seminari di Franco Piavoli e Rinaldo Censi • 240 €
    • se hai già partecipato a un seminario di Nomadica hai diritto al 25% di sconto sul prezzo intero

    Riserve
    E’ possibile disdire l’iscrizione ed essere rimborsati fino a 5 giorni prima dell’inizio del seminario. Ciò dovrà avvenire per iscritto attraverso e-mail. Saranno trattenute 40 € per le spese di segreteria.

    Per info e iscrizioni
    info@nomadica.eu

    Ufficio stampa
    Luciana Apicella
    luciana.apicella@gmail.com

    Segui il gruppo su facebook
    https://www.facebook.com/groups/696398657142158/

    Vedi tutti i seminari
    http://www.nomadica.eu/atelier/

    Read More
  • Atelier per le arti e il cinema di ricerca

    On: 17 dicembre 2014
    In: Senza categoria
    Views: 0
     Like

    Scrivere fuori contesto, fuori luogo, fuori dal luogo della scrittura stessa. Creare come ricerca continua e oltre-confine, dando spazio agli scambi umani e profondi. Una serie di seminari e workshop, finalizzati alla diffusione di un “pensiero altro” dell’immagine in movimento, del cinema come del teatro, dell’arte, delle “realtà” ed esperienze. Dopo centinaia di proiezioni e incontri, ruotiamo l’attenzione dallo schermo all’autore e al suo pensiero, dal film all’esperienza. Si darà la rarissima opportunità di conoscere a fondo autori, scrittori, filosofi, cineasti, maestri, e di scoprirne i segreti, le tecniche, entrando in stretto contatto con la loro visionarietà, la fantasia, il loro mondo. E’ un percorso che condurrà tra gli infiniti e nascosti sentieri della ricerca – italiana e non – in modo svincolato e non accademico.

    Writing out of context, out of place, out of the place of writing itself. Creating as continous research and beyond-border, giving space to deep human exchanges. A series of seminars and workshops, aimed at disseminating an image-mouvement’s outer-thought, of cinema as of theater, of art, of “reality” and experiences. After hundreds of screenings and encounters, we turn the attention from the screen to the author and his thought, from film to experience. Will be given the rare opportunity to deeply know authors, writers, philosophers, filmmakers, masters, and to discover their secrets, the skills, entering into close contact with their world of fantasy. It’s a way that will lead through the endless and hidden tracks of research’s paths (italian or not) untied and not academical.

     

    Làbbash – Laboratorio 16mm & Bolex H16
    Loops LAB / Expanded Live Cinema / Flat print
    18/19 Aprile 2020, h10.00/18.00
    Qui le info

     

    Incontro XV – THREE WAYS OF TALKING CINEMA
    venerdì 1 novembre 2019, h10.30
    tre riviste internazionali: Found Footage Magazine, Revista Lumière e Walden Magazine.
    In occasione di Weekend On the Moon (31oct./3nov. 2019).
    Qui le info

     

    Incontro XIV e proiezioni _ Roger Deutsch, Quattro racconti
    mercoledì 15 maggio 2019, h19.00
    in collaborazione con The Moving Image Catalog
    qui le info

     

    Seminario XIII_ New Powerful Eyes
    Flavio Fusi Pecci
    (esperto di evoluzione stellare, galassie e cosmologia, ex-direttore dell’Osservatorio astronomico di Bologna).

    1 novembre 2018
    + (outer) SPACES itineraries, con proiezioni in 16mm e digitale
    qui tutte le info

     

    Seminario XII_ Stories of vision. Art as school of senses (and sense)
    Francesco Cattaneo
    (ricercatore e docente di Estetica presso il Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna).
    2 novembre 2018
    qui tutte le info

     

    Workshop XI_ NOMADICA SICILIA
    workshop itineranti in 6 diverse città siciliane sui mezzi, i linguaggi, le tecniche del cinema autonomo

    febbraio / marzo 2017
    in collaborazione con Produzioni dal basso, Distribuzioni dal basso, CNC – Centro Nazionale del cortometraggio
    qui tutte le info

     

    Workshop X_ Immagine ovvia e nuovo simbolo. Cinema-Arte-Segno in Nato Frascà
    Giornata di studio
    21 novembre 2016 dalle ore 14.30, Accademia delle Belle Arti / Bologna
    in collaborazione con Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia, Archivio Nato Frascà, Accademia delle Belle Arti di Bologna
    nell’ambito di “Archivio Aperto 2016 – Home Movies” e del Festival “Meta-Cinema 2016”
    informazioni e programma

     

    Workshop VII (b)_ LEONARDO CARRANO
    Come l’ala di una farfalla

    workshop di lavorazione su pellicola 35mm
    con la collaborazione di Giuseppe Spina
    durata 3 giorni _ 29.30.31 Luglio 2016 _ Bagheria, Palermo
    all’interno di Animaphix – Festival Internazionale del Film d’Animazione
    qui il programma

     

    Seminario IX_ PEDRO COSTA
    con la collaborazione di Rinaldo Censi
    durata 3 giorni _ 23.24.25 Aprile 2016
    + Omaggio al cinema di Pedro Costa, presso la Cineteca di Bologna
    qui il programma

     

    Incontro VIII_ FLAVIA MASTRELLA E ANTONIO REZZA
    + proiezioni + spettacolo “Anelante”
    7 Aprile 2016 (+ 8 e 9 aprile)
    qui il programma e le info

     

    Workshop VII (a) _ LEONARDO CARRANO
    Come l’ala di una farfalla
    workshop di lavorazione su pellicola
    con la partecipazione speciale di Giannalberto Bendazzi
    durata 3 giorni _ 1.2.3 Aprile 2016
    + presentazione libro e proiezione, Cineteca di Bologna, 1 Aprile
    qui il programma

     

    Dimensione super8: Italia, 1965-2015
    Giornata di incontri con proiezioni fino a tarda sera,
    che riprende la mitica rassegna Dimensione Super8 (Roma, 1975)

    Sabato 5 Dicembre 2015, Spazio Menomale (BO)
    > all’interno di Archivio Aperto 2015, Home Movies
    qui il programma e le info

     

    UN GIORNO A MONTE OLIMPINO
    Munari / Piccardo e il laboratorio di cinema di ricerca (1962/1972)

    incontro con Andrea Piccardo
    e proiezione dell’archivio dello Studio di Monte Olimpino

    21 Novembre 2015, Spazio Menomale (BO)
    > all’interno di Archivio Aperto 2015, Home Movies
    qui il programma e le info

     

    Seminario III_ RINALDO CENSI
    (Fuori) Programma

    durata 3 giorni – 8.9.10 Maggio 2015
    qui il programma

     

    Seminario II_ FRANCO PIAVOLI
    Verso l’alfabeto (perduto) della realtà

    durata 3 giorni – 10.11.12 Aprile 2015
    + retrospettiva Cineteca di Bologna il 10 e 11 Aprile
    qui il programma

     

    Seminario I_ ENRICO GHEZZI
    Nulla a (che) vedere

    durata 3 giorni _ 6.7.8 Marzo 2015
    + proiezione Cineteca di Bologna il 6 Marzo
    qui il programma

     

     

    Segui il gruppo su facebook
    https://www.facebook.com/groups/696398657142158/

    Read More
  • Nostos – Il ritorno, un film di Franco Piavoli

    On: 11 maggio 2014
    In: 2013/2014
    Views: 648
     Like

    mercoledì 14maggio h21.45
    SalaNomadica|SpazioMenomale, Bologna

    continua la retrospettiva itinerante, “L’alfabeto perduto della realtà. Il cinema di Franco Piavoli”.

    locandina_menomale_piavoli

    Nomadica presenta una retrospettiva itinerante (mai) completa sul cinema di Franco Piavoli. Siamo convinti – oggi più che mai – dell’importanza di “ritrovare” (Brenta), ancora e ancora, quell’“alfabeto perduto della realtà” (Kezich) attraverso il cinema, che ci è in-segnato da Piavoli. Un modo di sentire il cosmo attraverso microcosmi, spazi locali, attese, silenzi, ridati da un linguaggio “primo”, non già codificato, che permette finalmente di svincolarsi dal concetto e di lasciarsi andare alla grandezza della natura, del mondo, dell’uomo stesso.
    Questo movimento prende il via dalla realizzazione del film Habitat [Piavoli], da subito all’interno di Nomadica, e non può non proiettarsi in altri “derivati italiani” del maestro. Il cinema-si-muove (che lo si voglia o no)”  [sulla retrospettiva _ LINK ]

    Read More